Recensione Libro I pensieri oziosi di un ozioso

Citazione “… alla compagna delle ore oziose, alla consolatrice delle mie pene, alla confidente delle mie gioie e delle mie speranze, alla mia vecchia e gagliarda PIPA.”
Compra su amazon.it
Prezzo: € 10,00

Di cosa parla I pensieri oziosi di un ozioso di Jerome Jerome

L’umorismo di Jerome Jerome che troviamo nel libro I pensieri oziosi di un ozioso è un lieve, delicato, volto alla spensieratezza. Infatti egli sostiene che “Oggigiorno, i lettori pretendono che un libro corregga, istruisca ed elevi. Questo mio volume non eleverebbe una mucca.”

I pensieri oziosi di un ozioso ci introduce in un mondo “lontano” dai grandi eroi, dalle grandi imprese e al tempo stesso ci prende per mano e ci porta a riflettere sulla realtà composta, invece, di piccoli momenti che comunemente si susseguono nella vita quotidiana di tutte le persone.

Lo humour di Jerome è senza tempo, leggero e delicato, in grado di sorprendere sempre per la sua “non-ovvietà” in una vita “banale” e “normale”.

Nel libro I pensieri oziosi di un ozioso lancia continuamente osservazioni che bloccano il naturale fluire del tempo, tanto che egli stesso sostiene “Che faccenda atrocemente insipida dev’essere la vita per i soddisfatti! Come deve pesare il tempo sulle loro spalle! Con che cosa mai occupano i loro pensieri, supposto che ne abbiano?”

Le caricature fatte alla società piccolo borghese sono velate e impercettibili perché i vizi e le virtù descritte sono solo una forma di svago letterario davanti a temi “altisonanti” come: abiti e portamento, cani e gatti, la bolletta, i nervi, la vanità ecc…

Egli nel trattare dei grandi sentimenti come l’amore sostiene che “L’amore è come il morbillo, dobbiamo passarci tutti. E, come il morbillo lo prendiamo una volta sola”.

E la felicità cos’è?
“Lo stomaco è la vera sede della felicità”.

Tratta temi futili e al tempo stesso mal sopporta anche la grandezza dei grandi autori, infatti afferma che “Shakespeare scriveva le sue commedie allo scopo di mantenere un menage agiato per la sua signora e per i Piccoli Shakespeare”.

La bellezza del suo umorismo sta nel fatto che pur avendo conosciuto personalmente l’esperienza devastante della guerra, con la sua violenza, le sue atrocità, i suoi morti e la sua cattiveria, decide volutamente di tenersene alla larga parlandoci di una verità-realtà più soft al solo scopo di deliziarci, di farci “evadere” nella riflessione.

Il suo intento, non dimentichiamocelo,è quello di prestare attenzione al particolare, e come sostiene Giorgio Manganelli lui è “Un grande raccontatore di storielle perché sa raccontare in modo irresistibile l’aneddoto che tutti conoscono.”

Recensione scritta da Concetta Padula

Condividi che fa bene

Recensione scritta da

Concetta Padula

Presentazione Concetta PadulaSono nata nel 1978 a Potenza, capoluogo lucano. Ho conseguito la laurea in sociologia presso l'Università degli Studi di Salerno nel 2006. Ho presieduto a vari convegni su: disagi e problematiche adolescenziali nel comune di Anzi (PZ) dove vivo col marito Franco e le mie due figlie: Maria e Ilenia.Negli ultimi anni ho iniziato a collaborare per diversi giornali online.Nel gennaio 2015 ho pubblicato un romanzo breve in formato eBook: "Horror tra le righe".Coltivo la passione per due grandi amori: la scrittura e la lettura.Ecco cosa penso dei libri: "Ogni pagina di un libro è come una tavolozza di un pittore. Essa riesce a trasmettere emozioni tali da 'sradicare' il lettore dalla sua quotidianità per poi 'trasportarlo' in realtà prive di spazio e tempo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.