Recensione Libro Il Budda delle periferie

Citazione “Mi chiamo Karim Amir e sono un vero inglese, più o meno.”
Il Budda delle periferie
Compra su amazon.it
Prezzo: € 14,00

Di cosa parla Il Budda delle periferie di Hanif Kureishi

Il romanzo Il Budda delle periferie, dello scrittore anglo-pakistano Hanif Kureishi dimostra, fin dalla sua prima riga, la natura ibrida dell’opera, dell’autore e del protagonista.

Kureishi cerca di dare un’identità ad un adolescente (primo nodo del romanzo), per di più di madre inglese e padre pakistano; in un contesto sociale e politico in continuo mutamento, come quello dell’Inghilterra della Thatcher.

Quello era il periodo della nascita dei movimenti punk, femministi, della cultura pop e delle prime generazioni di immigrati, veri e propri cittadini inglesi.

Il Budda delle periferie, ad una prima lettura può sembrare di formazione, in realtà il protagonista non raggiunge nessuno status, né esce dall’incertezza e dalla confusione che la sua natura di ibrido implica (elemento fondamentale di quel tipo di romanzo).

Karim finirà per fare l’attore, ovvero con l’imitare la vita e l’identità di qualcun altro. Egli, tuttavia, non è l’unico personaggio di cui si racconta la “crescita”, l’altro protagonista seguito è il padre del ragazzo; il Budda del titolo, che, tramite dure scelte e drastici cambiamenti riscoprirà la sua vera indole di Pakistano.

In realtà l’uomo è più una scarsa imitazione di un indiano: insegnante di yoga, con un simulato accento asiatico, che risponde in tutto e per tutto al prototipo che i londinesi (e gli occidentali, più in generale) hanno del mondo orientale.

Oltre all’analisi della sua struttura più profonda, il romanzo appare avvincente, divertente e incredibilmente contemporaneo, in un Occidente sempre più a contatto con l’Altro.

Il romanzo di Hanif Kureishi è stato pubblicato nel 2003 dalla casa editrice Bompiani.

Trama del libro Il Budda delle periferie

“Mi chiamo Karim Amir e sono un vero inglese, più o meno.” Comincià così Il Budda delle periferie, romanzo con il quale Hanif Kureishi esordiva nella narrativa nel 1990, dopo aver scritto le sceneggiature di My beautiful Laundrette e Sammy and Rosie Get Laid e dopo aver scritto e diretto London Kills Me. Il libro è un racconto di formazione che narra le peripezie sentimentali e le avventure di vita di Karim, adolescente metà inglese e metà indiano nella periferia londinese degli anni Settanta.

Recensione scritta da Maria Alice Caracausi

Condividi che fa bene

Recensione scritta da

Maria Alice Caracausi

Presentazione Maria Alice Caracausi Sono una laureata magistrale in Lingue e Letterature euroamericane, specializzata in lingua inglese, presso l'Università di Pisa. La lettura e la letteratura sono da sempre la mia passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.