Zetafobia
Zetafobia

Recensione Libro Il giardino dei fiori segreti

Ha una cosa da dire a suo padre. Una cosa importante. Lui non si è accorto che il giardino parla, e racconta tante cose.
Recensione Libro Il giardino dei fiori segreti

Prezzo: € 16,90

Di cosa parla Il giardino dei fiori segreti di Cristina Caboni

Dopo il bestseller Il sentiero dei profumi e il romanzo La custode del miele e delle api, Cristina Caboni torna con un nuovo lavoro: Il giardino dei fiori segreti.

Cristina Caboni ha la capacità di trasformare qualcosa di quotidiano e normale in magico, partendo dall’ambientazione dei suoi romanzi. Inoltre, riesce a creare sempre una bella sinergia tra le protagoniste dei suoi libri e la natura, che poi fa da tramite con il lettore.

Ne Il giardino dei fiori segreti si viene subito inteneriti da Iris e Viola, due ragazze speciali. Non sanno dell’esistenza l’una dell’altra, eppure sono sorelle allontanate dalla nascita. Nonostante siano due sconosciute, quando s’incontrano a Londra, durante la mostra dei fiori Chelsea Flower Show, capiscono di avere molto in comune.

Non solo sono identiche, gli stessi occhi e lo stesso viso, ma hanno anche la medesima propensione ad avere un rapporto speciale con la natura.

Ciò che le rende unite interiormente è la grande passione che nutrono verso i fiori e le piante: sono il loro mondo, luogo in cui sono felici e si sentono protette.

Iris e Viola sono gemelle, hanno lo stesso approccio alla vita, ma perché non sapevano l’esistenza l’una dell’altra? Perché sono state divise? Quale misterioso segreto nasconde il loro allontanamento. Le due ragazze decidono che è arrivato il momento di scoprirlo, capire cosa sia accaduto.

Per conoscere la verità dovranno affrontare un viaggio, arrivare a Volterra, in Toscana, nel posto in cui sono nate, in una residenza antica e affascinante circondata da un immenso giardino.

Ad attendere il loro arrivo lì c’è Giulia, la nonna, l’unica che può raccontare il motivo del distacco. Il destino ha in serbo per loro qualcosa di speciale. Perché le ragazze, come tutte le precedenti coppie di gemelle della famiglia, deve prendersi cura del giardino. Quel luogo magico ha il potere di curare le ferite dell’anima. Purtroppo però il giardino è in pericolo: un mistero sta uccidendo il giardino. E la risposta è in una rosa nascosta…

Commento del libro Il giardino dei fiori segreti

Ciò che colpisce di questo romanzo, come per i precedenti di Cristina Caboni, è la capacità della scrittrice di creare ambienti narrativi accoglienti, da cui il lettore si sente cullato. La natura ha una forza talmente intensa da risultare magica. Anche i luoghi di città che racconta, come Amsterdam, dove è collocata la parte iniziale della storia, sono descritti con cura risultando affascinanti.

E poi c’è il mistero che pervade le pagine del romanzo Il giardino dei fiori segreti dall’inizio alla fine, quando il lettore scoprirà i vari segreti taciuti. E poi su tutto troneggia questo rapporto magnifico e indistruttibile tra le due gemelle, il cui legame neanche la distanza è riuscita a scalfire.

Questo libro se da una parte può essere profondamente amato dai lettori appassionati di fiori e di natura, dall’altra può stancare chi non ha attitudine a un contatto intimo con la natura.

In ogni caso si deve dare merito alla capacità narrativa di Cristina Caboni che riesce a dipingere immagini chiare e ammalianti dei luoghi e dei protagonisti che descrive.

Citazione del libro Il giardino dei fiori segreti

“Chiude gli occhi, la fronte poggiata sulla corteccia ruvida, il respiro che si fa più regolare. Quando li riapre, il sole penetra attraverso le foglie. Lei solleva la testa e osserva i petali rossi, che fluttuano nell’aria e poi si posano sul muschio di smeraldo ai suoi piedi spandendo intorno, come ultimo gesto, il loro profumo. E mentre allunga la mano per riempire il piccolo pugno di quel tesoro, le spine l’accarezzano.”

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.