Recensione Libro “Il mio amico Asdrubale” di Gianni Biondillo

Citazione “Se avessimo un’aria più pulita non si ammalerebbe più nessuno. Sia lei che tutti gli altri bambini come lei.”
Compra su amazon.it

Di cosa parla “Il mio amico Asdrubale” di Gianni Biondillo

Lo scrittore Gianni Biondillo nel libro per bambini dai 9 anni in su “Il mio amico Asdrubale” ci racconta una storia in cui è la natura la reale protagonista, assieme alla sensibilità di alcuni alunni.

Marco è un bambino come gli altri, si dedica alla scuola, ai suoi compagni e alla famiglia. Va a scuola, come molti bambini accompagnati in auto, anche se è vicino a casa sua. Quando incontra Mirka, le cose iniziano a cambiare. Lei è una bimba diversa dalle altre e preferisce andare a piedi a scuola, non perché non abbia soldi, né per altri motivo, lo fa perché ama la natura.

Lei ha un rapporto particolare con Asdrubale, l’albero che si trova nel parco della scuola: Mirka parla sempre con Asdrubale e vuole condividere questo dono con Marco, che inizialmente è un po’ restio.

Mirka gli insegna a salire sull’albero e a godere della sua compagnia. La bambina però si ammala per colpa dello smog e dell’inquinamento e proprio in quel periodo dal comune decidono di sostituire Asdrubale con uno spazio dedicato al parcheggio auto.

Sarà solo in quel momento che Marco capirà l’importanza dell’amicizia con Mirka e degli alberi per la salute delle persone.

“Il mio amico Asdrubale” è un breve racconto che vuole mostrare ai bambini, e non solo a loro, la necessità di prendersi cura della natura, che si prende cura a sua volta di noi.

Gianni Biondillo con “Il mio amico Asdrubale” coinvolge i più piccoli in una piccola avventura per salvare Asdrubale rendendo l’esperienza emozionante e istruttiva.

Quarta di copertina del libro

Marco è un bambino modello, tutto casa, compiti e stragi di zombi alla play station. Mirka è una bambina singolare, che non va in macchina e parla con gli alberi. Perlomeno con uno: si chiama Asdrubale, sta nel parco vicino alla scuola, e non chiede di meglio che insegnare a Marco ad arrampicarsi tra i suoi rami, dove il sodalizio tra i due bambini germoglierà e crescerà, stagione dopo stagione, come una piccola pianta robusta. Ma per quanto ancora Asdrubale potrà restare a vegliare su di loro? Una grande città è piena di pericoli: dall’inquinamento alla siccità, fino agli adulti che hanno dimenticato cosa vuol dire sognare… Una favola sul bisogno di uscire dalla gabbia delle nostre abitudini, sulla riscoperta della natura e sul potere dell’amicizia.

Condividi che fa bene

Recensione scritta da

Redazione - Recensione Libro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.