Kant a Reggio
Kant a Reggio

Il segreto di Ballerup di Francesca Sbardellati: recensione libro

Le loro amicizie si erano create nelle loro rispettive vite e nelle diverse scuole. Era un aspetto che non allontanò le due giovani. Sa dottore, non amavano andare con le loro coetanee a flirtare in qualche angolo della città. Terminato l’orario scolastico, si cercavano anche solo per passare insieme quei pochi istanti che la giornata le aveva riservato.
Tavino
Il segreto di Ballerup di Francesca Sbardellati: recensione libro

Prezzo: € 14,00

Trama, recensione e commento libro Il segreto di Ballerup di Francesca Sbardellati

Il segreto di Ballerup volume primo di cui attendiamo presto un sequel è l’opera prima della scrittrice Francesca Sbardellati.

Questo libro ci ha favorevolmente colpito. Ci è piaciuto sia per la storia moderna dal sapore antico – che corre su due piani paralleli che a volte si intersecano – sia per lo stile raffinato, elegante, ma al contempo diretto.

La genesi del romanzo di Francesca Sbardellati è stata lunga e complessa ma sin dalla sua pubblicazione ha ottenuto subito successo da parte di critica e lettori.

Trama libro Il segreto di Ballerup di Francesca Sbardellati

Tutto si svolge nelle vie di Copenaghen negli anni duemila. Linda e Greta, le due protagoniste, sono amiche e vivono in un lussuoso palazzo, l’Olmens.

Il palazzo apparteneva al padre di Linda che dopo un crollo economico ha dovuto venderlo. Dopo si è trovato costretto ad abitare nel seminterrato come portiere.
Greta, invece, figlia di una nota e ricca scrittrice, vive nell’attico più lussuoso.

L’ascensore del palazzo, simbolo della scesa e salita sociale, di fatto permette alle due amiche di incontrarsi e confidarsi i sogni che solo in parte si realizzeranno.

La manovra

Linda dopo il ginnasio decide di studiare psicologia mentre Greta medicina. Linda che ha studiato nella sfida quotidiana della sua condizione sociale diventa una psicologa ma il forte desiderio di essere mamma la farà precipitare in una profonda depressione. Greta, invece, è diventata un medico affermato. Con gli anni ha accentuato una bellezza disarmante, alta e snella, si muove in modo elegante e finalmente riesce a competere con la madre famosa e affascinante.

Le loro vite si incrociano fin da quando le due sono bambine anche se si sviluppano con obiettivi e idee differenti.

Commento libro di Francesca Sbardellati

L’autrice Francesca Sbardellati riesce a penetrare nei meandri delle menti delle protagoniste scrivendo un romanzo psicologico che gioca la sua narrazione tra finzione e realtà.

Nello sviluppo del romanzo sono essenziali tutti i co-protagonisti, tanti e diversi, che contribuiscono alla loro crescita, a volte in maniera positiva, a volte in maniera negativa. Le loro personalità spesso affiorano nel racconto attraverso lunghe sequenze di flashback di episodi avvenuti e ricordati.

Il segreto di Ballerup non è solo un romanzo che racconta una profonda e sincera amicizia – Linda diventerà madre grazia a un’ovodonazione di Greta – ma è anche un romanzo ricco di suspense, che di fatto inizia nel prologo in un ospedale psichiatrico proprio a Ballerup, cittadina distante solo pochi chilometri dal centro di Copenaghen, da qui il titolo.

Francesca Sbardellati entra in punta di piedi nella mente, spesso contorta e piena di lati oscuri, dei protagonisti, dove reale e irreale si sfiorano di continuo e dove il confine è molto labile, basta poco per superare la linea di demarcazione e sovrapporre le due sfere.

Il segreto di Ballerup è un romanzo che si legge tutto d’un fiato per la singolarità dei temi e la grande piacevolezza della lettura.

Recensione libro scritta da Milena Privitera

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.