Il tempo delle donne di Riccardo Mazzocchio: recensione libro

Se le emozioni e le capacità intellettuali possono es‐ sere manipolate a piacimento, che cosa ne sarà dell’identità di un individuo, della sua libertà personale, delle sue scelte?
Il tempo delle donne di Riccardo Mazzocchio: recensione libro

Prezzo: € 8,49

Trama, recensione e commento libro Il tempo delle donne di Riccardo Mazzocchio

Il libro di Riccardo Mazzocchio, Il tempo delle donne, è pieno di sorprese. Cominciamo con il dire che apprezziamo il titolo che dà centralità al ruolo della donna e la copertina del libro: nulla è a caso in questo romanzo.

Inoltre, un’altra piacevole sorpresa la riscontriamo sfogliando le prime pagine de Il tempo delle donne, quando troviamo citazioni di un certo calibro. Whitman e Nietzsche troneggiano prima che la storia abbia inizio. E poi eccoci catapultati nel racconto.

Leggendo il libro di Riccardo Mazzocchio ho avuto l’impressione di essere immersa in un altro tempo, scandito dai romanzi classici. Quelli in cui vi è la centralità dei protagonisti in un ambiente che in qualche modo non li riesce a contenere.

La percezione che ho avuto io è paradossale, poiché il protagonista, Walter tende a qualcosa di diverso, qualcosa che potrebbe essere il futuro e non assolutamente il passato.

Trama libro Il tempo delle donne di Riccardo Mazzocchio

Walter, in quanto scienziato visionario, vuole raggiungere un obiettivo folle quanto intrigante: controllare le pulsioni degli uomini. Ciò sarebbe realizzabile, secondo lui, grazie a tecnologie che sono in grado di cambiare il comportamento umano.

La mente brillante di Walter, però, proprio quella mente che lo conduceva a pensieri poco ortodossi e surreali, era venuta meno. Ormai logorato da un tumore, l’uomo ambizioso qual era, aveva ceduto il passo a un relitto.

Roberta Gelsomino

Walter si era presentato alla porta di Tracy, sua collega, dopo tanto tempo, per stare con lei fino ai suoi ultimi istanti e lei aveva accettato. Nonostante non capisse il motivo per cui lui non avesse voluto Margherita, la moglie, al suo fianco. Margherita che invece era ignara di tutto…

Da qui si snoda la storia, in cui il passato ritorna attraverso i ricordi di Marta in particolare, colei che lo ha supportato nella ricerca per anni. A Tracy però sarà lasciato l’onere e l’onore di proseguire in quel folle progetto ideato da Walter.

Commento libro di Riccardo Mazzocchio

Scritto con grande cura, con un linguaggio avvolgente e scorrevole, Il tempo delle donne è un libro interessante, piacevole.

Leggendo questo romanzo sono molti gli interrogativi a cui si va incontro. Quello che per me è stato fondamentale è il pensiero che riguarda l’etica della scienza. Fin dove ci possiamo spingere utilizzando la tecnologia e le conoscenze assimilate?

Ma anche: qual è il vero confine tra bene e male? In ultimo e non meno importante: esiste un modo per fermare la violenza, per controllare il comportamento degli uomini senza negar loro il libero arbitrio?

Sta a noi usare con cura gli strumenti che abbiamo e decidere quale sia il limite da non superare, perché ciò che è considerato bene, può diventare qualcosa di negativo.

Il tempo delle donne stimola la mente con domande a cui possiamo dare risposta solo noi in base al nostro credere. L’esortazione ad accendere il cervello, leggendo il libro, dà a questo romanzo il valore aggiunto.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.