Intervista scrittrice Rita Stanzione

Intervista Rita Stanzione autrice del libro “Da quassù (la Terra è bellissima)”.
Da quassù la terra è bellissima di RIta Stanzione
Compra su amazon.it

La redazione del sito Recensione Libro.it intervista la scrittrice Rita Stanzione autrice del libro “Da quassù (la Terra è bellissima)”

1. Dovendo riassumere in poche righe il senso del tuo libro “Da quassù (la Terra è bellissima)”, cosa diresti?

Le poesie che propongo vanno lette come ponti di significato tra passato e presente, volte al futuro di tutti, dell’umanità, come abbattimento delle brutture e ampliamento di tutto ciò che è bellezza. È vero che un libro o una frase o un verso non potranno cambiare società o idee dall’oggi al domani, ma penso che ognuno a suo modo possa contribuire a fare del mondo una “casa” migliore. Un verso può essere visto come un piccolo sasso che va a scardinare muri. Tutta l’arte del resto non ha mai smesso l’urgenza di farsi sentire, quale spinta al cambiamento.

2. Da dove nasce l’ispirazione che ti ha portato a raccogliere le tue poesie in questo libro?

L’ispirazione era già in me a partire dall’osservazione di vicende della realtà, dalla fruizione di opere d’arte, dalla riflessione sulla condizione umana. Poi ho deciso di aderire al progetto di 4 Punte Edizioni, casa editrice di recente nascita ma con idee determinate e convinzioni che apprezzo in modo particolare. L’intento di mantenere viva la storia dei decenni passati e anche – tramite quest’ultima – instillare nel presente la consapevolezza delle azioni, la rivendicazione dei diritti dell’uomo, il ripudio di ciò che guasta il mondo e la vita.

3. Cosa vorresti che i lettori riuscissero a comprendere leggendo le tue parole? Quale segno vorresti lasciare in loro?

Il titolo “Da quassù (la terra è bellissima)” si rifà all’osservazione che 60 anni fa Yuri Gagarin dallo spazio condivise raggiante: descrisse il pianeta senza confini e barriere, una visione inedita e bellissima in questa mise di tutt’uno con noi abitatori e con ogni essere. Vorrei che i lettori fossero portati a pensare che la Terra potrebbe essere bellissima anche vista da quaggiù, se l’uomo lo volesse e se le sue azioni fossero rivolte a costruire anziché distruggere, accogliere anziché respingere l’altro da sé e popoli interi bisognosi di aiuto.

4. C’è qualcosa che Rita Stanzione avrebbe voluto aggiungere al libro, quando lo ha letto dopo la pubblicazione?

È difficile rispondere, o forse ora già mi sfugge. Forse “Buon cambiamento a tutti”. Ma ciò si può facilmente intuire.

5. Se dovessi utilizzare tre aggettivi per definire “Da quassù (la Terra è bellissima)”, quali useresti?

Emozionale, accogliente, auspicioso.

6. Cosa hai pensato quando hai messo il punto all’ultima poesia contenuta nel libro?

Ho pensato che finalmente potevo dirmi “Le scelte sono fatte”: Ho dovuto scegliere quali testi non inserire, malgrado li trovassi giusti per questa raccolta. Ma il troppo, come di solito credo, storpia. Così ho dovuto fare delle scelte e ho scremato sulla quantità.

7. Perché la scrittrice Rita Stanzione crede si debba leggere il suo libro?

Credo si debba leggere perché offre poesie di resistenza – è un no a violenze, sopraffazioni, mistificazioni – e perché con esso ho dato voce anche ai cosiddetti ultimi, troppo spesso messi da parte. Perché mi appello all’arte, prezioso specchio dei tempi e spinta ad andare oltre le superfici, a cercare la bellezza. Ancora, perché spazia su dilemmi e drammi esistenziali, domande e percorsi che inevitabilmente fanno parte di noi tutti, e – nella sezione conclusiva – ai possibili “rifugi” in cui l’uomo cerca e a volte trova un qualche conforto alle avversità, a eventi terribili e inevitabili.

8. Ti sei ispirata a qualche scrittore/scrittrice in particolare?

A nessuno in particolare.

9. Hai nuovi progetti? Stai scrivendo un nuovo libro? Puoi anticiparci qualcosa?

Un progetto vicino nel tempo a venire è la partecipazione a un romanzo collettivo che sarà realizzato con l’associazione Lo Specchio di Alice, del Movimento Letterario-Artistico UniDiversità, di cui faccio parte. Si tratta della mia seconda esperienza di questo genere e spero di ritrovarmi soddisfatta come nella prima. Il tema non posso anticiparlo.

10. Qual è il romanzo che hai letto e ti ha più colpito emotivamente in quest’ultimo anno?

Mi viene in mente, tra le letture dell’ultimo anno, Le assaggiatrici, di Rosella Postorino, sconvolgente e commovente. Davvero da star male, immaginare di entrare in quelle scene al posto dei personaggi.

11. Quale libro non consiglieresti mai a nessuno?

Guarda gli arlecchini!, di Vladimir Nabokov, scrittore che amo ma che mi ha deluso in quest’ultimo libro, non per mancanza di sorpresa o genialità, quanto per il tutto, l’insieme che mi è apparso artefatto e un po’ vuoto.

12. Adesso è arrivato il momento per porti da sola una domanda che nessuno ti ha mai fatto, ma a cui avresti sempre voluto rispondere…

Una bella domanda può essere Quali sono i tuoi lettori ideali? Risponderei che
mi piace immaginare i lettori come recettori non passivi, capaci di cogliere che una poesia non si esaurisce con il punto, ma può continuare oltre le parole.

Condividi che fa bene

Recensione scritta da

Redazione - Recensione Libro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.