un telefonino davvero speciale
un telefonino davvero speciale

Kisetsu di Ciro Cibelli: recensione libro

Fin da quando ero piccola, cercavo una ragione per vivere a questo mondo. È sempre stato il mio pensiero fisso. Un sogno, un qualcosa a cui aggrapparmi. Una certezza. Cercavo il mio perché. Una ragione per la quale essere felice e godermi ogni singolo istante della mia vita. Una ragione che mi facesse svegliare la mattina e rendermi orgogliosa dei miei progressi. Per questo ho iniziato a fare cosplay, in realtà, ed è anche per questa ragione che ho deciso di abbandonarlo definitivamente.
Il Pasticcio
Kisetsu di Ciro Cibelli: recensione libro

Prezzo: € 15,90

Trama, recensione e commento romanzo Kisetsu di Ciro Cibelli

Kisetsu del poliedrico artista Ciro Cibelli è un romanzo moderno che ci racconta le ansie e le angosce di una giovane ragazza, Alice De Lamia. Un libro che convince per la storia e le tematiche affrontate.

Trama libro Kisetsu

Figlia di genitori separati con non pochi problemi, Alice frequenta mal volentieri la terza B, scuola dove è presa di mira dai compagni, in particolar modo dall’affascinante Chanel.

Alice si illude di trovare l’amore in Andrea Vitale che una sera la invita a una festa e le aprirà un mondo a lei sconosciuto fatto di alcool e droga. Andrea, però, ben presto rifiuta ogni tipo di contatto con lei. Alice piomba così in una solitudine angosciosa e in una cieca gelosia che la porterà a tentare il suicidio.

Questa è la prima parte della storia drammatica raccontata con uno stile incisivo e fluido da Ciro Cibelli.

Nella seconda parte del libro ci ritroviamo proiettati in avanti di sette anni in un prossimo futuro: il 2024.
Alice è Luna Forenix, una nota webstar famosa anche come cosplayer. Andrea, che lavora come fotografo, la incontra casualmente e la riconosce.

La terza e ultima parte del romanzo racconta un incantevole incontro di donne che, lasciando alle spalle rancori e odi, si guardano con occhi nuovi e si salvano a vicenda.

Commento libro Kisetsu di Ciro Cibelli

Kisetsu è un romanzo psicologico che descrive gli intrecci e le evoluzioni psicologiche dei personaggi principali segnati dalle relazioni famigliari e poi dalle dipendenze.

il mio ritorno a casa

Alice riuscirà a superare le sue tante difficoltà e debolezze cambiando identità come cosplayer e il travestimento la aiuterà a sentirsi accettata dagli altri. Incontrerà Vera e la zia di Londra, e scoprirà un’irresistibile voglia di vivere.

Andrea invece troverà la sua strada come fotografo immortalando immagini e cerca l’amicizia con Alice.

Ciro Cibelli ha scritto un’opera prima coraggiosa e al contempo drammatica utilizzando ambientazioni quotidiane e tematiche del tutto attuali, come i problemi legati all’adolescenza e il mondo dei cosplayers.

Kisetsu, a mio parere, cela tra le sue pagine esperienze biografiche, sogni, speranze, declini e solitudini di un adolescente italiano. Questo libro è una metafora di tanti adolescenti cresciuti e vissuti in una periferia degradata di una grande città. Di giovani che hanno vissuto in famiglie divise dalle incomprensioni e che riescono, dopo essere scesi negli inferi, a trovare una ragione di vita.

Come dice lo stesso autore: “Il romanzo è stato scritto in prima persona, proprio per lasciare che il lettore si immedesimasse pienamente nello sviluppo emotivo e psicologico del personaggio. Motivo per la quale le ambientazioni sono state descritte solo marginalmente. Volevo che il lettore si costruisse la sua scena da sé, con i suoi ricordi ed esperienze. Il personaggio di Alice è stato concepito proprio per essere l’emblema di ciò che è il nichilismo odierno, di ciò che ti può portare la solitudine, la discriminazione, il “non sentirsi abbastanza” e lo smarrimento esistenziale. Alice è tutti e nessuno. Tuttavia, non nego che c’è un qualcosa di mio in lei, ma penso sia normale per uno scrittore!”

Recensione libro di Milena Privitera

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.