Recensione libro L’agente del caos

Citazione"Chi non conosceva il più celebrato artista d’avanguardia del tempo? Jay e Warhol si erano sfiorati, senza approfondire, in un paio di occasioni."
L'agente del caos
Compra su amazon.it

Recensione del romanzo L’agente del caos di Giancarlo De Cataldo

Nel suo ultimo romanzo L’agente del caos Giancarlo De Cataldo ci presenta la figura e la vita di Jay Dark, un agente statunitense che ebbe il compito di immettere massicci quantitativi di droga negli ambienti dei movimenti rivoluzionari, a cavallo fra gli anni Sessanta e Settanta.

Conosciuto come L’agente del caos (da cui il titolo) da molti oggi è ritenuto morto, ma l’avvocato Flint, un vecchio alto, magro ed elegante, lo crede ancora vivo.

Su Jay Dark si è scritto e detto tutto, il contrario di tutto. È stato addirittura pubblicato un libro, Blue Moon, che ha ottenuto un certo successo, ma che secondo Flint non rivela tutti i segreti che lui conosce. Si delinea quindi un quadro ben più complesso e caotico, con uno scenario internazionale sorprendente, fra servizi segreti deviati, narcotraffico, sesso, ex nazisti e tanti altri fattori in gioco.

La narrazione della storia, portata avanti da Flint, inizia nei giorni d’oggi a Roma precisamente al cimitero del Verano. Flint ci riporta indietro nel 1960 quando Jay Dark, il cui nome vero era Jaroslav Darenski, era un ladro e spiega allo scrittore che Jay Dark non è solo un uomo che da ladruncolo diventa agente della CIA come si vuol credere e come è raccontato nel suo libro.

Flint, narrando la vita di Jay Dark, racconta oltre trent’anni di storia italiana e internazionale, aprendo uno scenario stupefacente che parte dal padre di Dark tedesco, ex nazista, spia americana, attraversa il terrorismo di ieri e di oggi, coinvolge il traffico di droga e di armi e delinea un mondo profondamente corrotto.

Commento del libro L’agente del caos

L’agente del caos è un romanzo avvincente con molti riferimenti storici, scritto da una penna affermata e stilisticamente interessante. Originalissimo, ricco di personaggi, un libro dove realtà e finzione si intrecciano senza sosta, dando voce, senza alcun moralismo e senza ipocrisia, all’autocoscienza segreta di un’intera generazione.

Recensione scritta da Milena Privitera

[amazon_link asins=’8806237632,8806227777,8806225774,8806216112,8806227165,B00F107RMI’ template=’ProductGrid’ store=’recenslibroit-21′ marketplace=’IT’ link_id=’06e2bf6a-5755-11e8-82af-570a8b450669′]

Condividi che fa bene

Recensione scritta da

Milena Privitera

Presentazione Milena Privitera Leggere è la mia prima passione. Scrivere la seconda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.