Benzina
Benzina

Recensione Libro L’arte di correre

Non importa se otteniamo dei risultati o meno se facciamo bella figura o no, in fin dei conti l'essenziale per noi è qualcosa che non si vede, ma si percepisce con il cuore.
Jimbo - Isis e la strategia del terrore
Recensione Libro L’arte di correre

Prezzo: € 11,00

Di cosa parla L’arte di correre di Haruki Murakami

L’arte di correre è un libro autobiografico del noto scrittore giapponese Haruki Murakami, scritto tra il 2005 e il 2006 in cui.

Con dovizia di particolari, lo scrittore annota i suoi risultati in termini di corsa, nello specifico, di corsa di lunghe distanze. La maratona.

Murakami, infatti, ha intrapreso l’attività podistica nel 1982 e da allora ha corso circa venti maratone, ma anche ultramaratone e ha partecipato perfino a gare di Triathlon, che sono costituite da tre prove che si svolgono in immediata successione e sono comuni a tutti gli atleti: nuoto, ciclismo e corsa.

L’arte di correre più che un’autobiografia sembrerebbe essere un libro di memorie. Un libro in cui si insegna a non gettare mai la spugna, a non arrendersi e a non badare molto ai risultati finali perché l’importante nella vita, come nel Triathlon, non è vincere ma partecipare.

Oltre

La corsa diventa per lui, non solo una “sfida personale”, un bisogno di fare sempre risultati migliori ma anche una vera e propria esperienza di vita, quasi una metafora di essa.

Disciplina, misura, regolarità, difficoltà caratterizzano le pagine di questo libro così introspettivo.

I risultati che Murakami raggiunge sono sapientemente e scrupolosamente annotati nel libro L’arte di correre e a far da cornice ai suoi allenamenti e alla sua corsa c’è sempre il suo immancabile walkman, con la musica che lo scrittore-corridore ha scelto per fargli da compagnia, quasi da colonna sonora.

Come scrive Haruki Murakami “Non importa se otteniamo dei risultati o meno se facciamo bella figura o no, in fin dei conti l’essenziale per noi è qualcosa che non si vede, ma si percepisce con il cuore.” Questo è il vero senso del libro, questo il senso insito della vita. Questo è, in una parola sola, vivere e cioè correre.

Recensione scritta da Silvia Buda

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!