Recensione libro “L’eleganza del riccio” di Muriel Barbery

Citazione “Ho letto tanti libri… Eppure, come tutti gli autodidatti, non sono mai sicura di quello che ho capito. Un giorno mi sembra di abbracciare con un solo sguardo la totalità del sapere, come se all’improvviso invisibili ramificazioni nascessero, e intrecciassero fra loro tutte le mie letture sparse – poi subito il senso scivola via, l’essenziale mi sfugge, e per quanto rilegga le stesse righe ogni volta mi appaiono più inafferrabili, mentre io mi vedo come una vecchia pazza che crede di avere la pancia piena soltanto perché ho letto attentamente il menu.”
L'eleganza del riccio
Compra su amazon.it
Prezzo: € 8,99

Trama, recensione e commento libro “L’eleganza del riccio” di Muriel Barbery

L’eleganza del riccio”, delle scrittrice francese Muriel Barbery,  fa gustare i sapori delicati di una Parigi che incanta con il suo fascino. Ma c’è ben altro nella storia, qualcosa che terrà incollati i lettori alle pagine del romanzo.

Trama libro “L’eleganze del riccio”

Tutta la storia raccontata nel libro “L’eleganza del riccio” si sviluppa in un palazzo abitato da ricche famiglie dell’alta borghesia.

In disparte, nella guardiola a svolgere le sue umili mansioni, c’è Renée. La donna sembra apparentemente incarnare la classica figura della portinaia sia per l’aspetto fisico, presentandosi trasandata e grassa, sia per la sua dipendenza dalle trasmissioni televisive. Ma dietro questa donna comune, si nasconde un animo delicato, una persona ricca di interessi.

Renée, infatti, nei suoi ritagli di tempo non fa altro che leggere e studiare l’arte, la musica e in particolare la cultura giapponese. Spesso la donna fa citazioni colte e potrebbe prendersi gioco dei professionisti che vivono nel palazzo. Ha tanti argomenti di conversazione e conoscenze approfondite delle più svariate discipline.

Altro personaggio emblematico de L’eleganza del riccio è una bambina, Paloma. Lei, stanca della mediocrità della gente e di non essere compresa, decide di uccidersi il giorno del suo tredicesimo compleanno.

Paloma è una ragazzina sveglia, con idee brillanti e con un approccio critico alla vita, si sente diversa dalle sue compagne, considerate da lei troppo immature. La bambina cercherà di nascondere le sue qualità intellettive per non mostrarsi del tutto a chi la circonda, ma troverà una fedele alleata in Renée. Le due riescono a comprendere il segreto l’uno dell’altra.

Commento libro “L’eleganza del riccio” di Muriel Barbery

“L’eleganza del riccio” è un libro dalla scrittura delicata e limpida, con personaggi che incantano con la loro padronanza della cultura e ne fannoun ritratto fedele della vita parigina.

La scrittrice Muriel Barbery è stata in grado di raccontare con eleganza una storia che ha lasciato il segno nella maggior parte dei lettori.

Dal libro “L’eleganza del riccio”, che ha venduto oltre 600.000 copie e si è aggiudicato numerosi premi, tra cui il Premio Georges Brassens, il Premio Rotary International e il Prix des Libraires che viene assegnato dalle librerie francesi, – nel 2008 è stato tratto il film, intitolato Il riccio, che ha fatto amare ancora di più la storia.

Quarta di copertina del libro “L’eleganza del riccio”

Siamo a Parigi in un elegante palazzo abitato da famiglie dell’alta borghesia. Dalla sua guardiola assiste allo scorrere di questa vita di lussuosa vacuità la portinaia Renée, che appare in tutto e per tutto conforme all’idea stessa della portinaia: grassa, sciatta, scorbutica e teledipendente. Invece, all’insaputa di tutti, Renée è una coltissima autodidatta, che adora l’arte, la filosofia, la musica, la cultura giapponese.

Poi c’è Paloma, la figlia di un ministro ottuso; dodicenne geniale, brillante e fin troppo lucida che, stanca di vivere, ha deciso di farla finita (il 16 giugno, giorno del suo tredicesimo compleanno, per l’esattezza). Fino ad allora continuerà a fingere di essere una ragazzina mediocre e imbevuta di sottocultura adolescenziale come tutte le altre. Due personaggi in incognito, quindi, diversi eppure accomunati dallo sguardo ironicamente disincantato, che ignari l’uno dell’impostura dell’altro si incontreranno solo grazie all’arrivo di monsieur Ozu, un ricco giapponese, il solo che saprà smascherare Renée e il suo antico, doloroso segreto.

Se ti è piaciuto questo libro, leggi anche la recensione del romanzo “Cambiare l’acqua ai fiori” di Valerie Perrin.
Il romanzo è inserito tra i consigliati nell’articolo Libri da leggere a scuola nel 2021.

Condividi che fa bene

Voto libro 5 su 5
Recensione scritta da

Redazione - Recensione Libro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.