L’inganno della solitudine di Simona Marocco: recensione libro

Mi sento di dire che la solitudine ti inganna, ti sfida, ti divora perché non le basta mai ciò che si prende di te e ti fa ammalare dei disturbi più impensabili.
L’inganno della solitudine di Simona Marocco: recensione libro

Prezzo: € 12,00

Trama romanzo e recensione libro L’inganno della solitudine di Simona Marocco

L’inganno della solitudine di Simona Marocco è un romanzo che affronta il tema della solitudine con grazia e intensità.

Il libro edito dalla casa editrice Horti di Giano si fa strada nel lettore, che viene conquistato dai quattro personaggi le cui vite si intrecciano.

Recensione libro L’inganno della solitudine di Simona Marocco

Le vite di Tommaso, Rossana, Valeria e Daniele non sono per nulla facili. Forse le loro esistenze monotone, deluse, sfiduciate, piene di responsabilità non sono poi così differenti da quelle degli altri. Ma le loro fragilità e i loro caratteri pongono i quattro protagonisti del libro dinanzi ai propri limiti.

Insoddisfatti, mentre si trascinano nella loro vita, si trovano ad affrontare cammini frastagliati, con numerose salite.
La vetta sembra irraggiungibile e l’obiettivo di quell’andare non è del tutto chiaro.

Quando però sembra che la forza li abbia abbandonati, quando tutto sembra perso, al limite delle proprie capacità ecco che accade qualcosa. Un incontro, una consapevolezza, qualcosa che viene dall’esterno, oppure da dentro di loro. E la vita prende una piega diversa.

La fragilità può diventare una possibilità di svolta. Il dolore, l’ansia, l’inadeguatezza possono mostrarsi come le chiavi per aprire nuove porte.

Roberta Gelsomino

Commento libro di Simona Marocco

Con le vicende dei protagonisti, le loro solitudini da sbrigliare, le esistenze da ricostruire, la scrittrice Simona Marocco convince.

Tommaso, Rossana, Valeria e Daniele hanno bisogno di certezze, di un equilibrio che spesso manca, una stabilità che non li faccia traballare ogni volta.

Ogni personaggio è descritto con cura. I quattro protagonisti sono ben diversi l’uno dall’altro, ma hanno qualcosa che li accomuna e li fa osservare con la stessa attenzione dal lettore.

Le loro fragilità sono il reale motore della storia, che trova una svolta, una definizione diversa di ciò che era in partenza.

Il tutto accade in una Torino che fa splendidamente da cornice alla storia, mostrandosi proprio come i protagonisti: fragile, eppur desiderosa di affrontare le difficoltà.

Molto belli alcuni passaggi del romanzo in cui Simona Marocco si lascia andare a riflessioni sulla solitudine e sulla vita.

L’inganno della solitudine è un libro pieno di begli spunti da cui partire e su cui riflettere. L’uomo e la sua condizione di insoddisfazione, la società che con la sua crisi pervade le esistenze dei propri abitanti. E poi ci sono tanti sentimenti contrastanti, tante emozioni seguite dalla necessità di cambiamento, di vedere uno spiraglio di luce, di trovare la propria rinascita personale.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.