L’ultima domenica di Francesco Mineo: recensione libro

Si rendeva conto di quanto fosse assurdo, ma non aveva più dubbi sulla sua sanità mentale. Sapeva di non essere pazzo, più difficile era, invece, ammettere a se stesso che quell’oggetto lo aveva influenzato nel profondo molto più di quanto pensava potesse accadere.
L’ultima domenica di Francesco Mineo: recensione libro

Trama, recensione e commento libro L’ultima domenica di Francesco Mineo

L’ultima domenica di Francesco Mineo è un libro in cui il mistero è il protagonista della storia.

Personaggio principale del romanzo è Ryan, un uomo che a differenza di ciò che avviene di solito leggendo i romanzi, susciterà da subito una certa antipatia.

Questo perché Ryan è un individuo apatico, che si trascina nella sua esistenza, che non ha progetti e fa tutto senza un reale interesse. Nulla lo smuove, neppure la relazione con ragazza con cui si frequenta.

Trama libro L’ultima domenica di Francesco Mineo

Lavora in un negozio di antiquariato quando arriva una vedova che vuole scoprire qualcosa di uno strano oggetto a forma di prisma. L’oggetto da valutare che suscita la sua curiosità era del marito, che è morto.

La donna vuole capire cosa abbia di speciale questo prisma che ha praticamente ossessionato le ultime fasi della vita del marito.

Roberta Gelsomino

Da questo momento in poi della storia raccontata ne L’ultima domenica, il protagonista viene sconvolto dagli eventi. La sua placida quotidianità fatta di ripetizioni e per nulla coinvolgente, viene scossa. Ecco che la monotonia della sua vita viene interrotta bruscamente. Ryan riceve una telefonata, anonima, in cui gli viene raccontata la maledizione che colpisce i proprietari di questo oggetto.

A questo punto l’uomo comincia a voler vederci chiaro e inizia la sua indagine che lo porterà a uscire dal suo piccolo mondo “patetico” e apatico. L’avventura che si troverà a vivere lo porterà a compiere anche un viaggio dentro se stesso alla ricerca delle sue risposte.

Commento libro di Francesco Mineo

Nel libro ciò che colpisce di più, al di là della trama ricca, è il mutamento del protagonista. Da uomo mediocre, che non si sente coinvolto da nulla, diventa protagonista attivo della sua esistenza. Rischia, si mette in pericolo, esce allo scoperto mentre cerca la soluzione a questo enigma legato alla maledizione.

C’è un netto cambio di passo tra la prima parte del romanzo e la seconda, tra l’essere piatto del protagonista all’essere coinvolto e sconvolto da una storia più grande di lui. E il lettore apprezzerà di sicuro questa evoluzione di Ryan, soprattutto quando ne capirà il motivo, così come apprezzerà il mistero legato all’oggetto.

Il libro di Francesco Mineo si può acquistare sul sito Mondadori e Feltrinelli.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.