Quantica
Quantica

Recensione libro La nuova vita di nonno Napoléon

Napoléon aveva già vissuto due vite e sicuramente ne aveva tante altre di riserva, come i gatti.
L'ascensore
Recensione libro La nuova vita di nonno Napoléon

Prezzo: € 16,90

Trama e recensione del libro La nuova vita di nonno Napoléon di Pascal Ruter

Può arrivare il momento di cambiare a 85 anni? Sembra proprio di sì e ce lo dimostra il protagonista del libro La nuova vita di nonno Napoléon di Pascal Ruter, pubblicato nel 2017 dalla casa editrice Corbaccio.

L’anziano di cui si parla è il nonno di Loenard, un bambino di dieci anni che si trova a fare i conti con un familiare davvero fuori dall’ordinario, soprattutto considerando la sua età.

Ormai lontano dagli anni in cui tutto o quasi è concesso, Napoléon decide che la vita che sta conducendo gli sta davvero stretta. Per questo chiede il divorzio dalla moglie, che per tanto tempo gli è stato accanto, nel bene e nel male.

Il povero Leonard che tanto avrebbe desiderato trascorre il primo giorno di autunno in santa pace, si trova a dover passare continuamente fazzoletti alla nonna Josephine che piange e non riesce a capacitarsi di quello che sta succedendo: un divorzio in così tarda età è un fatto inusuale, diciamoci la verità!

Mentre la nonna è disperata, nonno Napoléon offre un gelato a tutta la sua famiglia per festeggiare il bel momento. Ma poi arriva il momento dei saluti, perché vista la strana piega che stanno prendendo gli eventi, la nonna decide di tornare al Sud, laddove è nata.

Sin dalle prime pagine del libro La nuova vita di nonno Napoléon si prova una strana simpatia per quest’uomo inaffidabile, radioso, che non vuole sentirsi libero e fare ciò che normalmente si dovrebbe evitare.

E a raccontarci tutto questo è la voce di Leonard che cerca di mettere a fuoco questo strano mondo degli adulti, esseri curiosi e spesso più infantili dei bambini. Quella che doveva essere una vita semplice per Leonard si dimostra contenere misteri imperscrutabili, che il piccolo cerca di svelare.

Ciò che viene fuori dal rapporto con questo nonno così poco simile agli altri anziani è un’avventura pazzesca in cui il più adulto dei due si dimostra essere il bambino.

Per quanto in questo romanzo la parola d’ordine sia divertimento, sono molti i dettagli rilevanti che fanno capire quanto influenzino la vita di tutti i giorni le cose non dette, quanto i silenzi possano rivelare, spesso molto di più delle parole.

La nuova vita di nonno Napoléon ci fa capire anche come i rapporti siano complessi, soprattutto se per evitare di far soffrire gli altri si celano sentimenti ed emozioni.

Una bella storia, con un personaggio originale e un finale da scoprire.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.