Kant a Reggio
Kant a Reggio

Recensione Libro “Dalla parte di Swann”

Recensione Libro “Dalla parte di Swann”

Recensione Libro “Dalla parte di Swann”

Ma, quando niente sussiste d’un passato antico, dopo la morte degli esseri, dopo la distruzione delle cose, soli, più tenui ma più vividi, più immateriali, più persistenti, più fedeli, l’odore e il sapore, lungo tempo ancora perduto, come anime, a ricordare, ad attendere, a sperare, sopra la rovina di tutto il resto, partendo sulla loro stilla quasi impalpabile, senza vacillare, l’immenso edificio del ricordo.