Trama libro “Prospettiva Avadhi” di Paolo Durando

Citazione “… non voglio restare nei paraggi della mia storia. Non posso negare di essere tuttora condizionato, però voglio essere libero. Libero da me stesso.”
Prospettiva Avadhi
Compra su amazon.it

“Prospettiva Avadhi” di Paolo Durando: un libro ricco di spunti interessanti

“Prospettiva Avadhi” di Paolo Durando è un libro di fantascienza, in cui realtà immaginate potrebbero non essere così distanti dalla direzione che stiamo prendendo.

Di questo libro non voglio darvi la trama in modo lineare, perché la storia ispira aperture mentali e pone strati nettamente distinti ma interconnessi che non voglio anticiparvi. Vorrei usare lo stesso modo alternativo per raccontarvi alcuni aspetti.
Vi fornirò solo alcuni elementi perché voi possiate farvi un’idea di ciò che troverete leggendo questo romanzo…

Gli uomini, dopo l’esito catastrofico in cui è giunta la Terra, sono emigrati su un pianeta chiamato Avadhi.

In questo futuro raccontato da Paolo Durando tutto è possibile, anche la clonazione, anche ritrovarsi in universi paralleli. Ma ci sono dei rischi e accedervi è di fatto proibito. Il passato sembra essere superato, ma di fatto non lo è, il futuro ha spogliato di identità, ogni cosa sembra impossibilitata a muoversi, a modificarsi.

Esiste il Memoverso che porta a rivivere il passato, a confrontarsi con esso. E ci sono gli Unici, un movimento di dissidenti in cui troviamo individui in cerca del presente, del loro essere uomini e donne, liberi di decidere, di guardare al cambiamento in maniera costruttiva.

Potrebbe però non essere facile scegliere chi essere, in qualunque universo ci si trovi e l’essere l’uno potrebbe non escludere essere l’altro. O essere persino entrambi, chissà? Il mistero inoltre è sempre un elemento necessario per mischiare le carte e rendere l’interpretazione più intrigante.
È necessario cambiare per tornare a essere se stessi? Oppure conformarsi e lasciare ciò che siamo a un mondo da dimenticare, che in fondo non si dimentica? Esiste davvero un unico tempo possibile?

Commento libro

In questo romanzo passato e futuro sono collegati, come se l’una fosse proiezione dell’altra e viceversa, come se ci fosse uno specchio a mostrarci il prima e il dopo possibile. Chi siamo, chi possiamo essere, chi vogliamo diventare. La Storia è diversa ma in qualche modo mantiene il suo legame con ciò che è stato.

Quello che sorprende di “Prospettiva Avadhi” oltre alle vicende narrate, sono le descrizioni di luoghi, di personaggi e sensazioni. Il mondo narrato diventa quasi tangibile, come se le parole riportassero scene di un film, per quanto tutto sia particolareggiato senza essere mai eccessivo nella sua descrizione.

Alla fine di questa lettura viene da chiedersi chi siamo noi e chi sono gli altri, se esiste una reale differenza. Inoltre, questo libro ci porta a riflettere sulla nostra condizione di uomini, su altri universi possibili, sul futuro verso cui stiamo procedendo.

Viene inoltre da domandarci: e se il nostro risveglio ci portasse a vivere ciò che siamo, quello che viviamo e sentiamo, non quello che sarà o che potrebbe essere? Sarebbe meglio o peggio? Meglio la clonazione o l’unicità?

Tutte queste domande che vengono da lontano, in realtà ci riguardano, basta osservare noi stessi mentre ci muoviamo nella nostra società.
A voi le risposte!

Condividi che fa bene

Recensione scritta da

Redazione - Recensione Libro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.