Recensione Libro Rugìle

Citazione “Volevo uscire da quel male. Non ero pronto ad arrendermi al male, a nessun tipo di male. Mi pareva impossibile che la mia vita fosse così cambiata e che io non fossi più quello di prima. Volevo ritornare quello che ero stato e meglio di prima.”
Rugìle di Fabrizio Ulivieri
Compra su amazon.it

Di cosa parla Rugìle di Fabrizio Ulivieri

Nel libro Rugìle di Fabrizio Ulivieri si possono trovare grandi riflessioni filosofiche sull’esistenza, sulle relazioni, sull’amore in tutte le sue sfumature, da quello fisico e passionale a quello intimista.

Ciò che viene narrato in Rugìle è il frutto di esperienze fatte negli anni che hanno ampliato il bagaglio emotivo e culturale di una persona. L’uomo, protagonista del libro, giunto alla fine della sua vita, può lasciarsi andare a qualunque riflessione senza temere nulla e soprattutto senza aver paura di perdere qualcosa di importante.

Il lettore sarà al fianco del protagonista provando un forte coinvolgimento emotivo quando viene raccontata la sua malattia, la sua guarigione e tutte le conseguenze che quel tempo complicato ha lasciato sulla sua carne e sulla sua anima.

Fabrizio Ulivieri utilizza, in alcuni casi, anche un linguaggio volgare, specificando nella sua nota iniziale che: “Anche nelle cose volgari esiste una ragione profonda. Qualsiasi atto volgare è un mondo in profondità che mostra un altro sé.”

Ciò che colpisce di Rugìle è la lucidità mentale dei ragionamenti fatti dall’autore che con le sue molte domande esistenziali conduce il lettore a cercare dentro di sé le risposte.

Si parte dalla certezza raggiunta dal protagonista che tutto cambia e questa rivoluzione porta a trasformazioni importanti che ci rendono persone diverse e portano a galla aspetti di sé inedite.

Fabrizio Ulivieri conduce il lettore all’interno delle sue riflessioni inducendo a capire che l’apparenza è molto diversa da ciò che si trova in profondità. Ed è quella parte nascosta che va ricercata, quella che ha maggiormente valore.

Il libro Rugìle può essere letto con varie intenzioni da parte del lettore, lasciandosi andare semplicemente alla trama o cercando di cogliere i dettagli più significativi dell’esistenza raccontati dallo scrittore. Nel primo caso è facile seguire la storia e l’istintività dei suoi personaggi, nel secondo ci vuole attenzione e predisposizione ad aprire la mente.

Condividi che fa bene

Recensione scritta da

Redazione - Recensione Libro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.