Sopravvissuti di Mirca Ferri: recensione libro

Figlio mio spero che i tuoi delicati occhi a mandorla turchesi ti ricordino sempre chi sei.
Sopravvissuti di Mirca Ferri: recensione libro

Prezzo: € 10,40

Trama, recensione e commento libro Sopravvissuti di Mirca Ferri

Mirca Ferri con Sopravvissuti ha scritto una raccolta di racconti che ogni lettore dovrebbe avere sul suo comodino. Ognuno di noi dovrebbe scoprire le storie dei protagonisti di questo libro, che come anticipa il titolo sono dei sopravvissuti.

Gli uomini e le donne di questo libro sono dei superstiti scampati alla morte, se non propriamente fisica, emotiva, spirituale, dei proprio sogni.

Ciò che colpisce di questo libro non sono solo i racconti, ma anche il senso di speranza, di “resurrezione”, di miglioramento delle proprie condizioni a cui aspirano i protagonisti. Anche se non sempre è possibile.

Mirca Ferri con i suoi racconti riesce a parlarci delle cadute e delle lotte intraprese dai protagonisti delle storie. I temi affrontati e collocati in luoghi e tempi diversi sono l’immigrazione, la guerra, la malattia, la prostituzione, l’amore, la mafia.

La manovra

Sì, perché alcuni dei personaggi del libro sono sopravvissuti, a volte, – o hanno fatto di tutto per salvarsi – a una fuga per mettersi al riparo da condizioni precarie, a una guerra, all’anoressia, alla prostituzione e a un attentato.

Commento libro di Mirca Ferri

Il lettore leggendo questo testo di Mirca Ferri capirà la differenza sostanziale tra vivere e sopravvivere. Capirà l’importanza dei sogni che anche quando vengono infranti possono essere ricostruiti, o almeno bisogna provarci. E poi comprenderà quanto possa essere forte il bisogno di cambiare il proprio destino per ambire al meglio.

Quest’opera mette il lettore in una prospettiva diversa, dando l’occasione di osservare le incrinature, a volte insanabili, di una società che sta svilendo l’uomo.

In alcuni casi leggiamo di umanità, di solidarietà, di gentilezza, in altri di gesti spietati, di dolori che sembrano insanabili, di disillusioni, di abbandono.

Mirca Ferra con i precedenti libri ci ha abituato a storie intense, ricche di sentimenti forti, a volte in contrasto tra loro. Storie di vita vera, che penetrano in profondità e fanno riflettere. Lo stesso accade con Sopravvissuti.

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.