Recensione Libro “Sulla strada” di Jack Kerouac

Citazione “Io mi ritrovo sempre confuso e impelagato a correre da una stella cadente all’altra finché non precipito.”
Sulla strada
Compra su amazon.it
Prezzo: € 10,50

Trama romanzo e recensione libro “Sulla strada” di Jack Kerouac

Il romanzo autobiografico “Sulla strada”, dello scrittore statunitense Jack Kerouac, pubblicato nel 1957, è il simbolo della Beat Generation.

Una specie di manifesto in cui si esalta il rifiuto per le leggi e le imposizioni sociali (cultura materialista, dimora e lavoro fisso) preferendo una vita errabonda basato sul contatto diretto con gli esponenti delle  categorie “ultime” della società.

Recensione libro di Jack Kerouac

Il protagonista del libro “Sulla strada” Sal Paradise (Jack Kerouac) compie una serie di viaggi in autostop, e con tutti i mezzi di locomozione allora in uso, insieme al compagno d’avventura Dean Mariarty (Neal Cassady) uscito dal riformatorio.

Insieme a un gruppo di amici, sotto l’effetto dell’alcool e della benzedrina, partono da New York per visitare il West e poi ritornare a casa dove si ritrova a scrivere il libro del viaggio.

Quando ormai il bagaglio esperienziale si è arricchito ma lo spirito di conoscenza non è ancora sopito, partono alla volta del Messico.

In Sal si nota una certa lacerazione interiore tra la voglia di seguire l’amico e quella di trovare la donna della sua vita, di fermarsi per formare una famiglia.

La vita sentimentale di Dean è molto caotica e complicata. Ha sempre voglia di provare brividi nuovi (sesso, alcool e benzedrina al ritmo del be-bop) e di vedere orizzonti diversi e tramonti infuocati.

In questo romanzo viene a delinearsi il modus vivendi della “gioventù bruciata”.

Il critico Richard Lacayo ha inserito “Sulla strada” nei migliori 100 romanzi del Ventesimo Secolo, mentre un altro critico, John Leland, in modo ironico, ha affermato che si tratta di un libro pieno di lezioni su come crescere.

Quarta di copertina libro “Sulla strada”

Sal Paradise, un giovane newyorkese con ambizioni letterarie, incontra Dean Moriarty, un ragazzo dell’Ovest. Uscito dal riformatorio, Dean comincia a girovagare sfidando le regole della vita borghese, sempre alla ricerca di esperienze intense.

Dean decide di ripartire per l’Ovest e Sal lo raggiunge; è il primo di una serie di viaggi che imprimono una dimensione nuova alla vita di Sal. La fuga continua di Dean ha in sé una caratteristica eroica, Sal non può fare a meno di ammirarlo, anche quando febbricitante, a Città del Messico, viene abbandonato dall’amico, che torna negli Stati Uniti. Postfazione di Fernanda Pivano.

Recensione di Concetta Padula

Libro consigliato da leggere su Jack Kerouac: “Ti Jean. Immaginando Kerouac” di Sofia Nanu

Condividi che fa bene

Voto libro 4.2 su 5
Recensione scritta da

Concetta Padula

Presentazione Concetta PadulaSono nata nel 1978 a Potenza, capoluogo lucano. Ho conseguito la laurea in sociologia presso l'Università degli Studi di Salerno nel 2006. Ho presieduto a vari convegni su: disagi e problematiche adolescenziali nel comune di Anzi (PZ) dove vivo col marito Franco e le mie due figlie: Maria e Ilenia.Negli ultimi anni ho iniziato a collaborare per diversi giornali online.Nel gennaio 2015 ho pubblicato un romanzo breve in formato eBook: "Horror tra le righe".Coltivo la passione per due grandi amori: la scrittura e la lettura.Ecco cosa penso dei libri: "Ogni pagina di un libro è come una tavolozza di un pittore. Essa riesce a trasmettere emozioni tali da 'sradicare' il lettore dalla sua quotidianità per poi 'trasportarlo' in realtà prive di spazio e tempo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.