Quel fiore di mamma
Quel fiore di mamma

Recensione Libro Tante piccole sedie rosse

Non avrebbe mai dimenticato l’espressione che avevano negli occhi, una desolazione fredda, una distanza dalla vita, dalla speranza, dalla pietà, da quell'intero apparato di giustizia che non le avrebbe portate dove giacevano i loro figli, non avrebbe consentito il sacro rito della sepoltura.
Recensione Libro Tante piccole sedie rosse

Prezzo: € 18,00

Di cosa parla Tante piccole sedie rosse di Edna O’Brien

Se Ragazze di campagna mi aveva stupito, Tante piccole sedie rosse mi ha rapito. Edna O’Brien riesce a cogliere l’anima di personaggi, paesaggi e storie. Le sue descrizioni sono disarmanti per quanto dettagliate e intime. Anche un oggetto dimostra la propria consistenza, non solo la forma ma anche la sostanza.

Dopo una partenza un po’ lenta, che potrebbe spiazzare negativamente il lettore, Tante piccole sedie rosse diventa un capolavoro per chi ama la bella scrittura e le storie ricche di contenuto.

Diviso in tre parti, il libro di O’Brien ci racconta di un uomo misterioso, uno straniero che arriva, durante una notte d’inverno, in un villaggio irlandese. Si definisce un guaritore, oltre che un poeta, ma soprattutto dice di curare i problemi sessuali. Tutti restano incantati dalle sue capacità e da quella seduzione misteriosa che lo contraddistingue.

Le donne ne sono attratte, persino quelle sposate come Fidelma, che cade nella trappola innamorandosi perdutamente di lui… un uomo che ha tanto da nascondere e sulle cui tracce si muovono i passi di tanti che lo cercano per fargliela pagare.

Quell’uomo ha un passato che se raccontato farebbe inorridire, qualcosa che non si può perdonare… un peccato che sarebbe meglio non rivelare perché è una macchia indelebile e perché ha causato tanto dolore. Ciò che ha fatto non può essere capito. E quando Fidelma inizia a scoprire la verità sull’uomo che ama, abbandona la sua strada per cercare un destino che la rincuori, che lenisca le sue ferite.

Senza di te

Commento del libro Tante piccole sedie rosse

Edna O’Brien con Tante piccole sedie rosse ha scritto un capolavoro che non tutti i lettori possono apprezzare, ma che racchiude la bellezza e l’inferno che solo certe storie possono narrare. In questo romanzo si parla di quelle 10.000 sedie e più che sono state messe una accanto all’altra per commemorare le vittime della guerra di Sarajevo per mano dei serbo-bosniaci, di cui molti erano bambini.

Ciò che narra O’Brien è prima di tutto una vicenda dolorosa, asfissiante, che si può riportare solo in parte come ogni orrore della Storia. C’è poi la storia d’amore e le pene di una donna che scopre non solo di essere stata ingannata, ma che ha amato un individuo spietato e crudele di cui si conosceranno le colpe nella terza parte del romanzo.

Tante piccole sedie rosse è un libro che parte in sordina, poi la voce inizia a bisbigliare parole che diventano sempre più udibili, fino a che diventa un urlo forte e netto.

In alcuni passaggi del romanzo ho avvertito una somiglianza con i libri di Agota Kristof, che tutti conosceranno sicuramente per La trilogia della città di K. forse ignorando gli altri suoi libri di grande spessore. Per il modo di raccontare e certe ambientazioni, ho ritrovato similitudini con le vite dei piccoli luoghi raccontati da Elizabeth Strout, ricordata per Olive Kitteridge. E alla lontana, forse per il grande amore che ho provato leggendo le sue pagine, questo libro mi ha fatto ritornare alla mente Crepuscolo di Kent Haruf. Alla fine però mi sono resa conto di quanto Tante piccole sedie rosse non sia nulla di tutto ciò nonostante sia un po’ di tutto questo.

Decretato libro dell’anno da The Sunday Times, The Observer, Financial Times e Sunday Express è magnifico nella sua complessità, per quello che dice e per il modo in cui viene raccontata ogni vita, dando peso a ognuna delle sedie rosse…

Questo libro è una calamita, se si resta in una posizione di difesa, un passo indietro, si può contrastare la sua forza, ma se ci si avvicina non c’è nulla che tenga: si viene coinvolti totalmente e attirati verso la storia.

Informazioni
Data recensione
Titolo
Tante piccole sedie rosse
Punteggio
51star1star1star1star1star

Hai qualcosa da aggiungere a questa recensione? Lascia un commento!