Trama romanzo “Il primo giorno” di Marc Levy

Trama Un uomo e una donna guardano due cieli diversi e non sanno ancora che i loro destini sono legati da fili invisibili che li condurranno l'uno vicino all'altra.
Compra su amazon.it

Di cosa parla “Il primo giorno” di Marc Levy

Keira, protagonista del libro “Il primo giorno” di Marc Levy, è un’archeologa che guarda l’orizzonte ancora scuro del deserto etiope, Adrian è un atronomo che ammira le stelle in una notte cilena. Due mondi lontani, due realtà diverse, eppure entrambi cercano una risposta alla domanda “Dove comincia l’alba?”.

E’ proprio in questa notte che le loro vite si incontrano magicamente conducendoli alla verità che per tanto tempo hanno ricercato. C’è un oggetto misterioso, un monile a specchio, parte di una mappa che mostra la volta celeste così com’era quattrocento milioni di anni addietro. E un segreto da portare alla luce.

Per arrivare alla soluzione  e scoprire la verità, Keira e Adrian si addentreranno in territori sconosciuti, dalle isole Andamane fino in Cina per vivere assieme una fantastica avventura.

Ma nessuno dei due protagonisti del libro “Il primo giorno” sa che c’è un nemico violento e potente che è sulle loro tracce con un unico obiettivo: quello di evitare di far conoscere il mistero delle nostre origini.

Quarta di copertina libro

Keira scruta l’orizzonte: il sole sta per sorgere sul sito archeologico della valle dell’Omo, Etiopia. Nelle stesse ore Adrian alza gli occhi alle stelle: attorno a lui la notte cilena avvolge i telescopi del più imponente progetto di astronomia mai realizzato. Ma questa non è una notte qualunque. È l’inizio di un lunghissimo viaggio. Adrian e Keira, astronomo lui, archeologa lei, sono da tempo, in modi diversi, in cerca di una risposta alla domanda che riempie i loro sogni: «Dove comincia l’alba?».

Sarà quella notte, complice il destino, a incrociare le loro vite mettendoli sulle tracce di un antico oggetto che potrebbe condurli alla verità che cercano: un misterioso monile a specchio, parte di una mappa perduta in grado di riflettere la volta celeste com’era quattrocento milioni di anni fa. Un romanzo capace di illuminare gli impenetrabili segreti dell’universo e di accendere la più struggente delle storie d’amore.

Condividi che fa bene

Recensione scritta da

Redazione - Recensione Libro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.