Trama e recensione libro “Zero limiti” di Augusto Sunda

Citazione “Non dirti mai le parole che non vorresti mai sentire.”
Compra su amazon.it
Prezzo: € 8,00

“Zero limiti” di Augusto Sunda: un libro sulla disabilità e sull’amore

“Zero limiti” è un libro introspettivo e riflessivo, scritto da Augusto Sunda, che abbiamo avuto il piacere di leggere nel suo precedente libro “Il killer e la ragazzina”.

Nella prefazione lo scrittore ci racconta quello che lo ispira e lo conduce a mettere su carta le sue sensazioni. Definisce visioni emozionali ciò che lo portano a cogliere l’essenza della sua anima.
Trovo che questa sua introduzione al libro sia fondamentale, poiché ci aiuta a capire il punto di partenza, ma anche l’ispirazione che muove la sua volontà di scrivere.

Dopo questa parentesi iniziale, molto importante da leggere per carpire qualcosa in più di Augusto Sunda, l’autore ci catapulta direttamente nel vivo della storia.

È così che comincia a delinearsi la figura del protagonista, che si presenta, così come è e si percepisce. Con le sue passioni, le sue debolezze, i giochi con la sua anima.
Un attimo dopo ecco l’incontro che non immaginava, che non aspettava, ma che gli cambia la vita. S’imbatte in una ragazza su una carrozzina, che deve prelevare al bancomat, ma lo scivolo che le dovrebbe permettere di fare la salita è bloccato per dei lavori.

Lui la vuole aiutare, si offre di accompagnarla sui gradini in retro marcia con la carrozzina, nonostante sia faticoso, quasi impossibile, ma Augusto si sente dire la frase “Zero limiti”.

Comincia in questo modo la loro avventura e il loro viaggio assieme nella disabilità. Un viaggio che li unirà, poi li separerà portandoli lontani l’uno dall’altra, ma saranno sempre insieme con il cuore.

Commento libro

“Zero limiti” racconta una storia personale, ricca di emozioni, di ostacoli da superare, di amore puro. Lo fa con poche parole, andando all’essenziale, rimandando ciò che ha valore al lettore.

Questo libro parla di speranza, di sogni, di forza, ma soprattutto d’amore, quello che sboccia in un attimo, che non sente la stanchezza anche quando è faticoso.

Se la disabilità frena, Augusto gli dà una sterzata, per infondere il giusto slancio. Se blocca su una sedia a rotelle, lui usa le sue braccia per aiutare, la sua anima per innalzare. Nulla deve essere un ostacolo, anche quando in effetti lo è: basta credere che ci siano zero limiti…

Augusto Sunda con le sue parole invita a godere della vita, a superare ogni muro, ogni difficoltà per cogliere la bellezza e seguire il percorso dell’amore.

Condividi che fa bene

Recensione scritta da

Redazione - Recensione Libro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.